Formazione Web Marketing

Blockchain: che cos’è e come funziona – una guida semplice

blockchain
Scritto da Angela

A meno che non abbiate vissuto su un’isola deserta negli ultimi anni, è assai probabile che avrete sentito parlare di Blockchain. Quelli fra voi che nella vita non si occupano specificamente di nuove tecnologie, probabilmente, hanno fatto ciò che spesso si fa in questi casi: acquisire il termine e imparare a considerarlo parte del panorama culturale condiviso, senza davvero conoscerne il significato. Questa è la vostra occasione per rimettervi in pari, perché Blockchain è importante anche per voi, qualsiasi sia la vostra professione. In questo post cercheremo di rispondere in modo semplice a tutte le domande che non avete mai osato fare su Blockchain, sul perché ci riguarda e su come il suo sviluppo influenza le nostre vite.

Che cos’è Blockchain?

Blockchain è una tecnologia che permette di distribuire informazioni senza copiarle. Questa frase ad alcuni potrà sembrare l’avvio di un discorso lungo e noioso, e invece è il caso di prestare attenzione, perché si tratta di una vera e propria rivoluzione per Internet. La tecnologia Blockchain è stata creata inizialmente per registrare le transazioni effettuate con Bitcoin, ma si è poi dimostrata molto versatile e adatta a registrare qualsiasi tipo di informazione. Per capire come funziona questo sistema, può essere utile pensare a un documento condiviso su Google Drive. Se, per esempio, più utenti che hanno accesso a un certo documento e lo modificano, gli aggiornamenti saranno sempre visibili a tutti. Allo stesso modo le informazioni su Blockchain sono condivise e sempre trasparenti, visibili a tutti, ma non ne esiste una singola versione conservata in un luogo unitario: i dati sono conservati su milioni di computer, il che li rende praticamente inattaccabili dagli hacker, eppure sempre accessibili a chiunque. La principale caratteristica dei dati così conservati è che non possono essere controllati da un singolo utente e che non è possibile, come per altre tecnologie online, trovare un punto di cedimento nel quale inserirsi per danneggiare l’intero sistema.

Trasparenza e affidabilità

L’aspetto più importante di questa tecnologia è il livello di affidabilità che garantisce, grazie alla sua trasparenza, che permette di prevenire tanto gli errori umani quanto i malfunzionamenti. Ogni transazione è registrata a livello centrale, ma allo stesso tempo le informazioni a essa relative sono distribuite, rendendole perfettamente sicure tramite continui controlli che si ripetono continuamente a intervalli brevissimi. Il sistema si compone di “nodi”, ognuno dei quali ottiene una copia di tutte le informazioni in modo automatico. Per operare una truffa alterando, ad esempio, il valore di una transazione, bisognerebbe manomettere l’intero sistema, il che è impossibile e, anche qualora non lo fosse, richiederebbe uno sforzo tecnologico ed economico superiore a qualsiasi guadagno. Per quanto tutto questo possa sembrare una fredda questione di transazioni finanziarie, si tratta in realtà di un modo completamente nuovo di concepire internet: un network autenticamente condiviso in cui ogni utente è responsabile delle proprie azioni e tutti gli scambi avvengono sulla base del mutuo consenso. Nato solo per la gestione e l’acquisizione di Bitcoin, oggi Blockchain si presenta come un modello di gestione alternativa di tutto ciò che viene scambiato in rete.
Vuoi lanciare un sito di e-commerce per il tuo brand? Chiamaci per un preventivo senza impegno!

Chi può utilizzare Blockchain?

Al momento gli utilizzatori principali di questa tecnologia sono legati al mercato finanziario, ma nel futuro si intravedono moltissime opzioni diverse. Tutte le transazioni che possono beneficiare dalla riduzione degli intermediari, potenzialmente, possono avvalersi di questo sistema per funzionare in modo più agevole. Questa rivoluzione è stata paragonata, per portata, all’arrivo delle interfacce “a finestra” per i personal computer. Nello stesso modo in cui l’introduzione di sistemi come Apple e Windows ha portato i personal computer alla diffusione che oggi conosciamo, questo modo di gestire le transazioni tramite “portafogli” virtuali potrebbe permettere l’automatizzazione di moltissimi scambi online, non solo di tipo economico. Ma l’orizzonte dell’utilizzo si estende anche oltre le transazioni finanziarie, aprendosi a tutti i contesti in cui è essenziale la sicurezza dei dati. Tramite questa tecnologia è possibile, per esempio, gestire e ratificare contratti online, per rivoluzionare interamente servizi come eBay (eliminando le terze parti dalle transazioni finanziarie), il crowdfunding e la conservazione di dati sensibili.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento