Interviste

Eventi in Cina: intervista a Stefano Ritella

eventi cina
Scritto da Stefano

HLD Events è un’agenzia di eventi con sede a Shanghai e con un particolare molto speciale: ha un direttore italiano. Si chiama Stefano Ritella ed è direttore di un’agenzia di eventi tra le prime nel continente. Curiosi di sapere come vanno le cose in Cina per quanto riguarda il settore eventi, lo abbiamo raggiunto e gli abbiamo fatto qualche domanda.

 1) La prima domanda non può che esser questa: come avete iniziato questa “avventura” che vi ha portato a gestire una delle più importanti agenzie di eventi in Cina?

shanghaiArrivato a Shanghai nel 2005, avevo altri piani per il mio futuro in Cina. Mi venne però subito l’idea di aprire un’agenzia di servizi per eventi (hostess, sicurezza, ecc.) e cosi’ partimmo con altri 3 soci fornendo personale per eventi. Nel 2008, seppur con un discreto portfolio, i miei soci decisero di lasciare e trasferirsi in altri Paesi. Presi in mano tutto e, complice un po’ di fortuna, iniziai a indirizzare l’agenzia verso la produzione di eventi completi. Ci siamo immediatamente focalizzati su eventi aziendali e piano piano ci siamo fatti un nome nel settore producendo conferenze, cene di gala e inaugurazioni/lanci.

2) Quali differenze notate nell’organizzare eventi per un pubblico asiatico? Ci sono dei fattori culturali particolari a cui dovete fare attenzione?
Ci sono parecchie differenze tra un pubblico occidentale ed uno asiatico e, più precisamente Cinese. Si va dallo studio della data dell’evento, alla scelta dei colori – il bianco in Cina e’ associato alla morte -, passando per l’intensità delle luci e quindi l’atmosfera durante un pranzo o una cena. Se poi guardiamo alle inaugurazioni, ci sono diversi simbolismi da rispettare e di cui tenere conto.

3) Qual è secondo HLD Events l’ingrediente che non può mancare per fare di un evento una situazione indimenticabile?
Bisogna riuscire a suscitare emozioni. Solo così è possibile rendere un evento indimenticabile, e ci metto pure produzioni più classiche come forum e seminari. Questo si può ottenere con grandi effetti ed elementi d’impatto ma si riesce ad emozionare anche con piccoli dettagli coordinati e sorprendenti.

4) Quali strategie adottate sul fronte web/social per far crescere la vostra azienda?
Sul web siamo facilmente reperibili. Rispetto ai social, abbiamo scelto di essere presenti solo su Linked In in quanto il nostro mercato è, riteniamo, meno affine all’utilizzo di Facebook o altri social simili.

5) Come vedete il futuro di questo settore lì in Asia?
Il settore eventi è ancora molto fiorente. La fanno da padroni gli eventi auto-motive e fashion ma non mancano ottime nicchie in altri mondi meno conosciuti. L’Asia è d’altronde un continente enorme dove ci sono ancora molte opportunità e spazi. In particolare vedo bene Paesi nel sud-est asiatico come Myanmar, Cambogia, Malesia ed Indonesia.

 

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Stefano

Lascia un Commento