Formazione Location

Home Office: come capire se è la scelta giusta

home office
Scritto da Angela

home officeNegli anni ’90 e nei primissimi anni 2000, quando il lavoro si cercava ancora sulle apposite pagine dei quotidiani, gli annunci che contenevano la formula “lavorare da casa” erano notoriamente trappole da evitare. Oggi il concetto stesso di lavoro è cambiato profondamente e l’home office, lungi dall’essere l’ultima spiaggia, è un contesto desiderabile e perfino privilegiato. Una corretta gestione dello spazio e del tempo potrà addirittura generare risultati superiori a quelli raggiungibili in un contesto lavorativo tradizionale. Lavorare da casa, tuttavia, richiede un particolare tipo di disciplina e una certa attitudine e non si adatta necessariamente a qualunque attività o personalità. Ecco come capire se un home office è la scelta giusta per voi.

A che cosa serve un ufficio?

La prima domanda da porsi è: come vengono gestiti il tempo e lo spazio in ufficio? Ci sono elementi della vostra attività quotidiana che sono assolutamente incompatibili con un ambiente domestico? Se, per esempio, il vostro lavoro include il regolare utilizzo di attrezzature particolari o la consultazione di un archivio cartaceo di proprietà dell’azienda, lavorare a distanza risulterà inevitabilmente poco pratico. Se invece la maggior parte delle vostre mansioni richiedono semplicemente un accesso a internet, una serie di software installabili sul laptop personale e le vostre competenze e abilità, allora non c’è niente che vi trattenga dal risparmiare sul costo dei trasporti quotidiani e trasferire la vostra postazione alla scrivania di casa.

Autogestione, ovvero l’arte di non procrastinare

La parola chiave è Responsabilità. Procrastinare e distrarsi è un’inclinazione naturale, ma è possibile imparare ad autodisciplinarsi. Una buona tecnica è quella di stabilire un ordine del giorno e suddividere la giornata lavorativa in modo da garantirsi le giuste pause, magari con l’aiuto di un timer. Una volta isolato il proprio spazio dalle distrazioni esterne quali bambini, animali domestici, telefonate personali e telecomando della tv, ha inizio la battaglia più dura: quella contro internet. In casa vostra non dovrete mai temere lo sguardo del capo alle vostre spalle, pronto a rimproverarvi per aver controllato i messaggi su Facebook durante l’orario di lavoro. Questo vuol dire che starà a voi difendere la vostra produttività dalla tentazione di passare tutta la giornata a guardare vines o a commentare le foto dei vostri amici. Se la vostra scuola di pensiero è che il miglior modo per porre fine a una tentazione sia cedere, non siete pronti per un home office.

Home office in ferie

In molti casi il bello di un home office è la possibilità di portarlo con sé. Nulla vi impedisce, per esempio, di prolungare le vacanze al mare di una settimana, purché abbiate a disposizione un angolo tranquillo con una presa per il laptop e un collegamento a internet. Questo è quello che potremmo chiamare il livello “avanzato” di un home office e, se ben gestito, può determinare un innalzamento consistente nella qualità della vita. Se il vostro obiettivo è conciliare lavoro e vacanze, il problema non sarà tanto trovare il luogo, quanto la volontà. Se siete in grado di rinunciare a un aperitivo sulla spiaggia per dedicare le ore necessarie alla vostra attività, siete pronti per sfruttare a pieno tutte le possibilità di questo modo di lavorare.

Lavorare da casa, in team

In molti pensano che l’home office sia una soluzione adatta esclusivamente ai freelancer che lavorano da soli, il che include un numero assai limitato di categorie professionali. Questa visione delle cose è legata a un modo ormai felicemente superato di concepire il lavoro e i suoi spazi. Certo, se la vostra attività non può prescindere da meeting quotidiani con numerosi colleghi o clienti, forse è il caso di investire in un ufficio, ma le situazioni che richiedono questo tipo di interazione sono sempre più rare. In molti casi un team virtuale sarà gestibile e produttivo quanto un gruppo di persone fisicamente presenti nello stesso edificio. Se la maggior parte delle incombenze sono coordinabili via Skype o via email, ma occasionalmente si rendono comunque necessari incontri di rappresentanza o riunioni operative con colleghi o clienti, ci sono una serie di opzioni alternative che permettono di preservare la libertà del lavoro da casa senza rinunciare a uno spazio confortevole e funzionale per una giornata di lavoro condiviso.

Lanci una startup? Fatti conoscere con un evento promozionale.
Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato su tutti i nostri eventi