Eventi Team Building

Dolce vita e sport estremi: come far convivere incentive travel e team building nello stesso weekend.

bankasa zipline
Scritto da Angela

L’incentive travel e il team building sono un po’ come il vino e il formaggio: ottimi da soli, ma spettacolari insieme, se abbinati correttamente. Proprio come le degustazioni di vini e formaggi, queste attività sono prima di tutto piacevoli, ma richiedono abilità e conoscenze e, tanto per restare all’interno della metafora enogastronomica, a fare le scelte sbagliate si rischia di svegliarsi il giorno dopo con un mal di testa da record. Nella nostra esperienza, sono sempre meno le aziende che scelgono una di queste due attività senza l’altra. Dopo tutto, se il vostro scopo è spingere i membri del vostro team a lavorare sulla qualità della propria leadership, tanto vale farlo in una cornice splendida. Allo stesso modo, se il vostro obiettivo è premiare i vostri impiegati con un viaggio esotico, perché non cogliere l’occasione di rafforzare lo spirito di squadra? Lo scopo, ovviamente, è di mettere il proprio team in condizione di ottenere risultati ancora migliori di quelli che vi hanno spinti a organizzare un incentive travel. Il nostro cliente Bankasa tutto questo lo sa: sono ormai sei anni che organizziamo la loro convention annuale. Questo evento ha due scopi principali: premia le performance migliori con viaggi di lusso e offre l’occasione ideale per le attività di team building. A luglio abbiamo portato un team di 50 persone sul Lago di Garda, per un weekend di relax, divertimento e team building all’insegna dello sport, del divertimento e del relax.

Stai pensando di organizzare un viaggio incentive o un'avventura per il tuo team? Contattaci!

L’estate dolce del Lago di Garda

Avere un rapporto di lunga data con un cliente è un privilegio e una sfida al tempo stesso. È un privilegio perché è indice della fiducia del cliente e perché ci permette di crescere professionalmente, di costruire sulle esperienze precedenti e di esplorare soluzioni sempre nuove. È una sfida perché dobbiamo tenere sempre aggiornati i nostri contatti e trovare location sempre nuove, così da offrire ai nostri clienti esperienze sempre nuove. I nostri ultimi progetti estivi con Bankasa si hanno portato in Spagna e Sardegna, in località balneari soleggiate dove le nostre squadre si sono cimentate con gare di canoa e mountain bike e hanno nuotato e ballato sulla spiaggia. Quest’anno abbiamo deciso di orientarci su qualcosa di diverso, scegliendo una delle poche località italiane che non sono soffocate dal caldo in estate. Il Lago di Garda è il più grande d’Italia e le zone circostanti godono di un clima estivo temperato, con la protezione delle colline da sud e delle montagne da nord a tenere a bada da una parte la calda estate italiana e dall’altra il freddo delle zone alpine. Il panorama è un meraviglioso alternarsi di tonalità scintillanti di verde e azzurro, con la vegetazione locale che ricorda più il paesaggio mediterraneo che quello mitteleuropeo del nordest. Le città e i paesi vicini offrono numerose opportunità di escursioni culturali e naturalistiche e una vita notturna vivace.

Incentive travel all’insegna del lusso

Quando un progetto ha una durata limitata, suddividere i tempi in modo intelligente è fondamentale. È vero che incentive travel e team building funzionano alla perfezione se abbinati in maniera efficace nello stesso progetto, ma per avere buoni risultati occorre evitare di ammassare le attività in fasce di tempo ristrette e senza stabilire chiare linee di demarcazione fra le due parti del progetto stesso. Una mattina di relax in una spa non deve essere rovinata dalla consapevolezza che entro due ore dovremo trovarci su un sentiero di montagna. Allo stesso modo sapere che nel pomeriggio ci aspettano shopping e drink a bordo piscina potrebbe scalfire la nostra motivazione, se per la mattina è previsto un esercizio di team building. In questa occasione abbiamo deciso di aprire le danze ricordando agli ospiti che questo viaggio era prima di tutto un premio per il loro lavoro eccellente. L’alloggio, come abbiamo già avuto modo di dire in passato, è stato il primo strumento essenziale per la creazione della giusta atmosfera: niente esprime il concetto di “ottimo lavoro!” come fare il check in in un hotel a quattro stelle ed essere serviti e riveriti per il resto della giornata. Il secondo punto nella tabella di marcia della giornata era un pomeriggio presso il centro benessere dell’hotel, seguito da un aperitivo a bordo piscina, nel corso del quale sono stati premiati coloro che avevano ottenuto i migliori risultati nel trimestre precedente. Dopo di che, una parte del nostro gruppo era perfettamente rilassata e pronta per andare a dormire e non ha approfittato dell’ultimo appuntamento di questa giornata di relax. Quelli che invece erano ancora in piedi e desiderosi di passare una serata all’insegna del divertimento si sono diretti al Coco Beach, una delle discoteche più esclusive della zona, per terminare la serata ballando in riva al lago.

Team building sul lago: un’avventura adatta ai più coraggiosi

Cominciamo col dire che tirar tardi ballando e poi essere svegli e pronti ad affrontare una caccia al tesoro in mountain bike il giorno dopo non è una scampagnata. Ok, tecnicamente il pranzo nel vigneto, all’ombra delle viti può essere definito una scampagnata, ma tutto il resto della giornata è stata una vera e propria avventura. Chi segue il nostro blog da un po’ saprà che la caccia al tesoro è una delle nostre passioni e che non ci stanchiamo mai di cercare nuovi modi in cui questo grande classico della nostra infanzia può essere trasformato in un’attività appassionante anche per gli adulti. L’elemento della mountain bike era il tocco che caratterizzava questo specifico progetto. Sapevamo, per esperienze precedenti, che i team con cui avremmo lavorato erano composti da persone che amano lo sport e le attività all’aria aperta e che non si tirano indietro di fronte a una sfida. Ogni indizio richiedeva di superare una prova. Nello stabilire le prove da proporre, ci siamo concentrati sullo scegliere esercizi che richiedessero pensiero creativo (come il costruire certe figure con i lego o come il gioco delle “frasi impazzite”, che richiedeva di trovare almeno due frasi di senso compiuto da un set di lettere assegnate a caso), ma anche l’adattabilità e il problem-solving, come il recuperare delle mele dall’interno di un secchio d’acqua con le mani legate dietro la schiena. L’esperienza più emozionante della giornata, comunque, è stata senz’altro la zipline, che è a metà fra un gioco e uno sport estremo, un po’ come il bungee jumping e il ponte tibetano, e altrettanto inadatta ai più impressionabili. L’area collinare del confine trentino del Lago Di Garda si presta benissimo a questa particolare attività. Tutti i membri dei nostri team si sono divertiti. Certo, se dovessimo occuparci un domani di un team comprendente persone con problemi di vertigini, avremmo cura di scegliere attività da svolgere con i piedi sempre ben piantati per terra, soprattutto per il gran finale di una giornata di team building. In questa circostanza, però, tutti sono stati più che felici di volare sopra la valle agganciati a una carrucola che scorreva su un cordone di acciaio sospeso fra le colline. Tecnicamente, non è stato questo il gran finale: c’era ancora un appuntamento per il dopocena, da trascorrere a nel privé della vicina discoteca Hollywood di Bardolino. È più facile darsi alla pazza gioia e scatenarsi come se non ci fosse un domani, quando l’unico impegno per il giorno successivo è rilassarsi in spiaggia lungo il lago prima di tornare a casa in serata.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento