Web Markerting

Linkedin: in arrivo il blog che risveglierà il network?

linkedin
Scritto da Stefano

Come usate Linkedin?

Linked In ha inserito la possibilità per tutti di tenere un blog. Come andrà?

Linked In ha inserito la possibilità per tutti di tenere un blog. Come andrà?

Dai non raccontiamocela; per 8 persone su 10 è semplicemente un luogo nel web dove “parcheggiare” il proprio curriculum nella nemmeno troppo speranzosa attesa che accada il miracolo: una chiamata da qualche azienda che ha visto quanto è ben fatto il nostro profilo, con elegantissima foto in spiaggia insieme gli amici e con le competenze confermate dal nostro migliore amico (lo stesso della foto)…e basta.

Ma anche per quei 2 su 10 che usano LinkedIn quotidianamente e si sono dati da fare per avere più contatti di Ban Ki-Moon, il “social professionale” resta sempre alquanto statico e privo di interesse. Si mette qualche “mi piace” qua e la (che in Linkedin si chiama Consiglia), si guarda qualche profilo di ex colleghi e fine.

Linkedin, visti i non esaltanti risultati del 2013, ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti per rendere il social più social , e ha annunciato l’introduzione del blog personale per ogni utente. Si tratta di una nuova feature che si somma alle altre già introdotte nei mesi scorsi e che porta con sé molte aspettative.

L’idea non sembra male perchè potrebbe permettere al social di fare due piccioni con una fava: da un lato ne potrebbe guadagnare Linkedin stesso, dato che verranno introdotti ulteriori contenuti originali (che si aggiungeranno ai gruppi), e dall’altro verrà data la possibilità di arricchire il proprio profilo con un blog inserito nella pagina. Si avrà quindi la possibilità di generare da zero dei contenuti e di vederli esposti sulla Home dei nostri contatti in una cornice giustificata come quella del blog, cioè senza limiti di caratteri e formattazioni.

Ma come usare il nuovo blog di Linkedin per fare un po’ di personal branding?

Per prima cosa è importante rendersi conto che il blog farà riferimento a voi, come persone reali.
Eh già, qui non si avrà la possibilità di celarsi dietro uno pseudonimo e spararle grosse, o comunque sia, di pubblicare contenuti di scarsa qualità. Nel blog personale di Linkedin, tutto quello che verrà scritto, farà capo alla persona fisica e, di conseguenza, si avrà l’obbligo di produrre un contenuto di qualità e interessante dal punto di vista professionale. Sarà importante fare un piccolo “giretto documentativo” prima di lanciarsi nella produzione. Vale quindi la regola del “o si fa bene o non si fa”.

In secondo luogo bisogna ricordarsi che non vale copiare e incollare quello che si è già scritto nel proprio blog personale “ufficiale”. Qui bisognerà scrivere da zero i propri contenuti o comunque riadattarli in chiave prettamente professionale.

Infine occorrerà scrivere qualcosa che sia sì interessante, ma sopratutto, che permetta di mostrare un certo background formativo nel settore in cui lavoriamo. Sarà insomma l’occasione perfetta “per far vedere che ne sappiamo” e guadagnare più opportunità di mettersi in mostra in maniera meritocratica. Una sorta di colloquio di lavoro unilaterale permanente.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Stefano

Lascia un Commento

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato su tutti i nostri eventi