Eventi

La magia dell’autunno può arricchire anche i tuoi eventi business

eventi autunno
Scritto da Angela

L’autunno ha un fascino innegabile, che si comincia a percepire non appena si riesce a superare il trauma della fine dell’estate e del rientro in ufficio. È una stagione complessa che, come il buon vino, si apprezza con l’esperienza. Da un lato c’è il senso di possibilità e di nuovo inizio che impariamo fin da bambini ad associare a questo periodo dell’anno, dall’altro la semplice bellezza dei colori e del paesaggio, che offrono infiniti spunti creativi a coloro che li sanno cogliere. Volendo concentrarsi sul lato prosaico della stagione, mentre le foglie ingialliscono e le sciarpe spuntano dagli armadi, i nostri calendari professionali si riempiono di conferenze da organizzare, workshop da seguire, fiere, mostre ed eventi di ogni genere, oltre che di nuovi progetti da iniziare. Se anche per voi la fine dell’anno coincide con la necessità di organizzare lanci, meeting e cene aziendali, ecco 5 idee per portare un po’ della magia dell’autunno nei vostri eventi corporate.

Risvegliare la motivazione

In Italia la tradizione dei motivational speaker non è particolarmente consolidata e nella maggior parte dei casi si assiste a tentativi abbastanza pedestri di scimmiottare i modelli americani. Eppure un trascinatore di folle, che abbia davvero argomenti rilevanti e che sappia motivare gli ascoltatori, può avere effetti enormemente positivi su qualsiasi uditorio. Se volete percorrere questa strada, assicuratevi di creare il giusto contesto per un discorso motivazionale, facendolo precedere e seguire da attività che siano pertinenti al vostro settore, in modo da contestualizzare il discorso e da suggerire applicazioni pratiche della ritrovata motivazione. Un accorato appello ai responsabili eventi delle grandi aziende: un commerciale simpatico che urla in un microfono imitando il sergente Hartman non è uno speaker motivazionale, è solo un incentivo al consumo di rimedi contro il mal di testa.

Uscire all’aperto…

Può sembrare un suggerimento ridicolo: l’autunno è una stagione da cioccolata calda e maglioni, non da scampagnate all’aria aperta, giusto? Sbagliato. Se c’è la possibilità di sfruttare una bella location con uno spazio riparato ma all’aperto, come un patio, una terrazza o un chiostro, una giornata d’autunno è il momento migliore per godere della bellezza della natura, mentre questa cambia intorno a noi. Un allestimento con temi e colori autunnali, luci suggestive e un food stand a tema – per esempio un piccolo barbecue per servire caldarroste e pannocchie imburrate – trasformeranno l’atmosfera di qualsiasi evento. Come sempre in questi casi, tuttavia, è bene avere un piano B nel caso in cui il tempo decidesse di essere inclemente. Scegliete sempre location che prevedano la possibilità di spostare l’allestimento dall’esterno all’interno anche con poco anticipo.

… o fingere di farlo

Se non vi fidate del clima capriccioso di questi mesi o se le previsioni nella vostra zona sconsigliano caldamente di restare all’aperto oltre lo stretto necessario, non è detto che dobbiate rinunciare alla magia dei colori autunnali. Con un allestimento ben progettato, è possibile trasformare anche una location al chiuso in una galleria di colori accesi e di profumi suggestivi. Se, per esempio, il lancio del vostro prodotto richiede un’atmosfera da favola d’autunno, c’è un elemento semplicissimo ed economico che può cambiare il volto del vostro evento: le foglie secche. Ricoprire tutto il pavimento della location di foglie e commissionare decorazioni realizzate con foglie pressate su vetri e superfici, farà sì che i vostri ospiti si sentano accolti in un bosco incantato…con il bonus del riscaldamento, o almeno del riparo dalle intemperie. Se possibile, aiutatevi con un catering a tema: frutta secca, vino cotto, bevande calde e speziate, dolci invernali e le immancabili zucche renderanno perfetta l’atmosfera autunnale.

Hai bisogno di organizzare un evento aziendale autunnale? Contattaci!

Organizzare una degustazione di vini (e godersi i sapori dell’autunno)

I gourmet, anche se non lo ammettono, in estate soffrono. Le temperature troppo alte non permettono di godere di cibi troppo ricchi o di vini troppo corposi, così che macedonie e vini bianchi leggerissimi, insieme a qualche cocktail a base di ghiaccio tritato, diventano i componenti essenziali di ogni menu. Se i destinatari del vostro evento sono amanti della buona tavola, è probabile che non vedano l’ora di tornare a godere dei sapori forti della stagione fredda. In questi mesi, di conseguenza, organizzare una degustazione di vini, magari con un percorso enogastronomico completo, è una delle scelte migliori che si possano fare nell’ambito degli eventi corporate. Che si tratti di un viaggio incentive o di un team building per i vostri dipendenti o dell’intrattenimento a margine di una conferenza o di un meeting, la soddisfazione è assicurata.

Non aspettare il Natale per essere più buoni

Se l’autunno rappresenta un nuovo inizio, si può pensare di renderlo tale anche nella sostanza e non solo nella forma. A volte non occorre un’occasione legata al business per radunare colleghi e collaboratori: non si vive di solo lavoro, dopo tutto. In questi ultimi mesi abbiamo assistito a tanti eventi drammatici che hanno lasciato migliaia di persone nel bisogno, in procinto di affrontare l’inverno in condizioni durissime: questo è il momento giusto per riscoprire il valore della solidarietà e organizzare un evento di beneficenza. Non occorre neanche guardare lontano: spesso basta letteralmente girare l’angolo per trovare, nella propria comunità, situazioni che potrebbero beneficiare del nostro aiuto. Quando scegliete di organizzare un evento benefico, non improvvisate, ma appoggiatevi a istituzioni locali la cui affidabilità sia universalmente riconosciuta, per essere certi che il vostro aiuto arrivi dove serve. Approfittatene per coinvolgere tutti i vostri colleghi e dipendenti nella scelta della causa da sostenere: scegliendo un tema che in molti sentano vicino, certamente si otterranno risultati migliori.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato su tutti i nostri eventi