Interviste Team Building

I segreti del team building – Intervista ad Alessandro Pitzalis

Alessandro Pitzalis Team Building Smart Eventi
Scritto da Angela

Oggi ci intervistiamo da soli! Smart Eventi, infatti, pur essendo un’azienda giovane e composta da un team molto coeso, si muove costantemente su più fronti, offrendo servizi molto diversi fra loro. Uno dei servizi più richiesti è senza dubbio il Team Building, del quale si occupa Alessandro Pitzalis. Per questo, per offrirvi una prospettiva più diretta su questo particolare tipo di evento aziendale, abbiamo scelto di intervistarlo e di raccontarci, attraverso le sue parole.

Il team building è un’attività molto praticata all’estero, che però si è affermata in Italia solo negli ultimi anni. Da quanto tempo le aziende hanno iniziato a interessarsi a questa opportunità di formazione? Le richieste sono in aumento? Quali sono, secondo te, le ragioni di questa crescente popolarità?

Alessandro Pitzalis Team Building Smart Eventi fullLe attività di team building vengono praticate in Italia da diversi anni con un’esigenza formativa. La formazione è stata per anni motivo di grandi investimenti per le aziende, che però nel tempo hanno iniziato a ricercare attività che permettessero di far vivere una “experience”. Negli ultimi anni si è vista una forte crescita nella richiesta di organizzare attività team building da parte delle aziende, spesso a discapito della formazione in aula, motivo per il quale si è apparentemente generata una maggior domanda.

Quali sono gli obiettivi principali di un team building aziendale?

In Italia l’attività di team building viene spesso associata ad un’attività ludica, attraverso la quale fortificare il gruppo, ma purtroppo non sempre viene richiesta un’esigenza formativa. Naturalmente l’organizzazione di un evento spesso divertente e al di fuori della solita vita aziendale genera positività nel gruppo e migliora i rapporti interpersonali, ma se dovessi individuare gli obiettivi che le aziende vogliono perseguire organizzando un team building direi “fare team”.

Che tipo di formazione e di predisposizione personale dovrebbe avere chi si occupa di questa attività?

L’attività di team building in quanto tale richiederebbe l’ausilio di formatori aziendali, quindi con caratteristiche professionali variabili a seconda dell’attività proposta. Normalmente un formatore dovrebbe sfruttare l’ausilio di partner per farsi supportare nell’attività individuata, ma oggi è più corretto dire che ci sono tante persone che si improvvisano formatori.

Quali corsi, seminari o stage dovrebbe frequentare un giovane che volesse avvicinarsi a questa professione?

Oltre a consigliare alcune letture che meglio illustrino che cos’è la formazione, ci sono corsi universitari (spesso legati all’organizzazione di eventi), ma sicuramente l’esperienza sul campo e l’affiancamento a professionisti del settore rappresenta il miglior strumento di formazione.

È una professione che si integra con altre o all’interno di un team c’è chi segue prettamente le attività di team building?

L’attività di team building spesso è inserita all’interno di programmi aziendali più strutturati, quindi incentive o meeting. Originariamente ho seguito un percorso professionale in cui mi sono cimentato nell’organizzazione di eventi aziendali come cene aziendali, meeting e location scouting, ma oggi mi occupo quasi esclusivamente dello sviluppo e della gestione delle attività di team building. Posso dire che se è vero che l’esperienza precedente rappresenta oggi un valore aggiunto alla mia figura professionale, la scelta di Smart Eventi è stata quella di avere per ogni settore in cui operiamo persone maggiormente specializzate e non tuttologi.

Quali sono le attività di team building maggiormente richieste dalle aziende clienti?

Dipende molto dal periodo dell’anno, direi che nel periodo primavera/estate la richiesta più ricorrente è quella delle attività outdoor, mentre durante i periodi più freddi vanno per la maggiore team building musicali, creativi e il sempre verde teamcooking.

Quali sono le più innovative che ti capita di proporre?

Le attività più innovative sono quelle legate all’attività di building, cioè della costruzione di oggetti, che poi possano essere utilizzati dagli stessi creatori (misurandone dunque anche la qualità della realizzazione). Tra queste ad esempio il Carton Boat è stata una delle attività più organizzate dal nostro team nel 2016, ma abbiamo ampliato la proposta anche con attività come la “costruzione della biga romana” oppure quella di “Bike”. La parte più divertente è vedere come poi manager e segretarie riescono ad utilizzare i loro capolavori per la competizione finale.

Come nasce un nuovo format di team building?

Spesso un nuovo format nasce da una richiesta di un cliente, che ti obbliga a cucire il vestito perfetto sulla base di esigenze non soddisfabili col tuo portfolio attività, oppure da un’intuizione. Restare al passo coi tempi, assimilando i cambiamenti che ogni giorno ci sovrastano, curiosare e saper osservare sono il miglior modo per poter “ospitare” una nuova idea.

Perché un’azienda dovrebbe richiedere questo servizio?

Un’azienda richiede questo servizio perché il mercato ha assimilato l’attività di team building come attività valevole e che genera benefici all’interno di un gruppo di lavoro. Sarebbe come chiedere “perché tutti noi compriamo uno Smartphone?” Quasi tutti lo abbiamo perché dobbiamo essere costantemente connessi, perché la società ci impone questo status. Così l’azienda, anno dopo anno, ha capito che “regalare” ai propri dipendenti un’esperienza di questo tipo porta migliori risultati rispetto a fare 4 ore di formazione in aula, quantomeno a livello emozionale ed esperienziale.

Che tipo di aziende, prevalentemente, investono in attività di team building?

Fortunatamente lavoriamo con aziende di qualsiasi settore e soprattutto con brand molto importanti. Ciò che più ci soddisfa è l’elevatissima percentuale di feedback positivi post evento e il livello di fidelizzazione dei nostri clienti, che anno dopo anno aumentano. Il segreto è quello di non dar mai nulla per scontato, di curare i dettagli di un evento come se fosse la prima volta che lo realizzi e di non abbassare mai il grado di attenzione.
Contatta Alessandro per un team building nella tua azienda!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento